Cos’è un hacker? Te lo spiego semplice

Tempo di lettura: 2 minuti

Il termine “hacker” non ha affatto un significato preciso. Generalmente si tende a pensare che si tratti di una persona con cattive intenzioni. Oppure di un cyber-criminale, o ancora di qualcuno che è in grado di entrarvi nel profilo Facebook. Un mio amico, un informatico molto bravo, mi disse una volta: “il vero hacker è il programmatore esperto”. Chi ha ragione? Cos’è un hacker di preciso?

Partiamo dalla radice di questo nome. Il verbo “to hack” in inglese significa “tagliare o colpire a caso senza nessun criterio“. Di recente si è anche aggiunto un altro significato: “entrare in un sistema informatico senza autorizzazione“. Come si è arrivati dal “colpire a caso” ad “entrare in un sistema informatico senza autorizzazione”?

“To hack” significa anche assemblare o saldare a caso pezzi di componenti elettronici. Con l’avvento del software è diventato possibile fare la stessa cosa coi programmi. Alcuni utenti “smanettoni” tentavano di smontare e di riassemblare pezzi di un programma, con vari scopi. Ad esempio quello di rimuoverne la protezione da copia, oppure di alleggerirlo nelle dimensioni per poterlo distribuire illegalmente su internet.

Gli stessi principi e le stesse tecniche usate per “disassemblare” un software possono essere applicate anche ai sistemi informativi moderni, ad esempio allo scopo di accedere al profilo o alla casella email di qualcuno. Ed ecco che arriviamo a capire cos’è un hacker: si tratta di una persona che tenta di manipolare un programma senza conoscere come è fatto, oppure di introdursi illecitamente nei sistemi informatici protetti.

Un hacker non è necessariamente un criminale. La polizia postale usa esattamente le stesse tecniche di hacking che potrebbe usare un malintenzionato, ovviamente con finalità diverse. Gli hacker sono generalmente (ma non sempre) informatici di altissima levatura professionale: essere considerato un hacker è un vero onore per un informatico. Questo perché devono padroneggiare molte tecniche complicate per poter fare quello che fanno.


Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti subito alle Cose di Computer per ricevere automaticamente i nuovi articoli. E' gratis e non ti invierò spam, promesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *