Creare un volto virtuale

Mi hanno segnalato via WhatsApp un sito molto interessante, che consente di creare un volto virtuale. Si chiama “this person does not exist“, che in italiano vuol dire “questa persona non esiste”. Se ci si collega, compare il volto di una persona… che non esiste! Questo sito può infatti essere usato per creare un volto virtuale, inesistente, generato da un’intelligenza artificiale. Come è possibile?

Creare un volto virtuale - Segnalazione ricevuta da WhatsApp

Intanto diamo uno sguardo al sito. Appena ci si collega compare il volto di una persona, con una qualità molto elevata (sembra di essere di fronte ad una foto).

Creare un volto virtuale - Un volto generato da un'intelligenza artificiale

Aggiornando la pagina, compaiono sempre volti diversi e con la stessa altissima qualità.

Creare un volto virtuale - Un volto generato da un'intelligenza artificiale

La cosa secondo me inquietante è che usando il sito non vedrai mai più lo stesso volto! Appena ricarichi la pagina, il volto sparisce ed è praticamente impossibile che in futuro compaia esattamente la stessa immagine. Com’è possibile ottenere volti inesistenti con questa qualità? Dopo qualche secondo, compare in basso a destra un piccolo riquadro che fornisce la spiegazione dettagliata del procedimento utilizzato.

Dentro al riquadro c’è scritto (traduco approssimativamente): “immaginato da una GAN (rete generativa avversaria). Non aver paura. Impara come funziona. Ecco il codice per imparare a farlo anche tu”. Ci sono diversi link che è possibile consultare per avere maggiori informazioni, tra cui un articolo scientifico molto tecnico che spiega per bene tutto il procedimento. Ma che vuol dire, spiegato semplice? Cosa sono tutti questi strani termini? Niente paura!

Partiamo dal concetto base: cos’è un’intelligenza artificiale? Detto nel modo più semplice possibile (non me ne vogliano gli esperti dell’argomento), è un programma per computer che può essere addestrato a compiere un’azione molto specifica, che potrebbe sembrare di esclusivo appannaggio degli esseri umani. Una rete generativa avversaria (chiedo di nuovo scusa a tutti quelli che studiano l’argomento per la rozzezza e l’imprecisione), consiste di due intelligenze artificiali che competono tra loro per ottenere il risultato migliore per un determinato compito. È stato dimostrato che queste reti generative avversarie possono essere usate per generare volti umani iperrealistici, e questo sito ne è la prova concreta.

Impara l'informatica in due minuti al giorno: iscriviti alle cose di computer!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *