Fa causa a Google e vince – La storia di Aaron Greenspan

Tempo di lettura: 2 minuti

Non ho una buona opinione di Google e Facebook. Monopolizzano il web ed i social network ed estraggono dati dai propri utenti in maniera aggressiva e poco etica. Ma la cosa che mi dà più fastidio è la loro pessima comunicazione con gli utenti: pur di risparmiare manodopera preferiscono inviare messaggi preconfezionati che non spiegano assolutamente nulla. Oggi ti racconto la storia di Aaron Greenspan, un uomo che nel 2007 fa causa a Google e vince.

Cos’è AdSense? E’ il sistema che consente a Google di guadagnare soldi. Se hai un sito web molto visitato puoi decidere di mostrare ai visitatori i banner pubblicitari di Google, che vengono appunto forniti da AdSense. Il problema di AdSense è che Google a volte blocca gli account e sospende il pagamento dei ricavi pubblicitari ai propri inserzionisti, per di più senza fornire alcuna spiegazione chiara del motivo. Immagina questo scenario:

  • Ho un account AdSense perfettamente funzionante
  • Da un giorno all’altro Google mi dice che l’account è stato disabilitato
  • Google non dà alcuna spiegazione del motivo della chiusura
  • Se fai appello ti viene risposto con un messaggio automatico preconfezionato
  • Contattare Google è praticamente impossibile
  • Google si trattiene il pagamento dei tuoi ricavi pubblicitari

Tu non andresti su tutte le furie? Aaron Greenspan, un blogger, si è ritrovato in una situazione simile nel 2007. Ha deciso di combattere (sebbene Google gli dovesse pagare solo 700 dollari) e ha fatto causa a Google. Il giudice gli ha dato ragione, ma purtroppo Google ha fatto appello riuscendo a ribaltare la decisione iniziale.

Ho sentito di altre situazioni simili accadute anche in Italia. Inserzionisti a cui Google doveva cifre altissime (centinaia di migliaia di euro) che non hanno nessuna speranza di recuperare: con quanto guadagna, Google può permettersi gli avvocati migliori sulla piazza. Se conosci l’inglese puoi leggere l’articolo completo a questo link: fa causa a Google e vince. A questa pagina trovi la seconda parte in cui Greenspan racconta di come ha perso l’appello.

Cerchi alternative a Google? In questo articolo te ne elenco qualcuna.


Sei già iscritto alle Cose di Computer? Se non lo sei, iscriviti subito: è gratis e non ti invierò spam, promesso!

Vuoi che ti spieghi un concetto informatico? Clicca qui per richiedere la tua Cosa di Computer!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *