Cos’è la PEC? La Posta Elettronica Certificata, spiegata semplice

Ho ricevuto una risposta alla cosa di computer in cui spiego come risolvere il problema della casella di posta piena. Mi hanno scritto, letteralmente, “grazie. Io non so inviare una PEC”. Stavo per rispondere ma mi sono accorto di non aver ancora dedicato una cosa di computer a spiegare cos’è la PEC. Rimedio subito!

Commento dal quale mi sono accorto di non aver ancora spiegato cos'è la PEC

Partiamo intanto dalla sigla: PEC vuol dire “Posta Elettronica Certificata”. Per capire cosa voglia dire esattamente “certificata” va intanto capito cos’è internet e cos’è l’email. Internet è una rete mondiale di computer che offre servizi, ovvero funzionalità che non avrebbero senso di esistere senza una rete sottostante. Uno di questi servizi è l’email, o “posta elettronica”, che è l’equivalente digitale della posta ordinaria cartacea.

Cos'è la PEC - Rappresentazione schematica di internet

I messaggi email non offrono nessuna garanzia di consegna. È possibile impostare una notifica di ricezione, ma il destinatario può ignorarla. Ed anche se la accetta, essa non ha alcun valore legale. Inoltre le caselle email non sono associate alle persone fisiche: non si ha la certezza che l’intestatario di una casella di posta sia effettivamente una determinata persona.

Con la posta cartacea, se vuoi avere la prova certa che il messaggio sia stato notificato ad un certo destinatario, devi usare una raccomandata. Ecco cos’è la PEC: non è altro che l’equivalente digitale delle lettere raccomandate cartacee. Offre diverse garanzie:

  • La certezza dell’avvenuta consegna
  • La certezza che il messaggio sia stato recapitato ad una determinata persona
  • La “non ripudiabilità” del contenuto: il destinatario non può dire di aver ricevuto un foglio vuoto o con un contenuto diverso da quello che gli hai inviato

Come si invia una PEC? Occorre munirsi di un indirizzo email PEC offerto da un provider (fornitore) dedicato. Uno dei più usati è Aruba. Le caselle PEC sono a pagamento ma costano pochissimo: 5 o 6 euro l’anno (il costo di una sola raccomandata). Sono anche facilissime da usare: funzionano come le caselle email normali. Digiti l’indirizzo del destinatario, alleghi il messaggio e lo invii.

Impara l'informatica in due minuti al giorno: iscriviti alle cose di computer!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.