Richard Stallman, il pioniere del Software Libero

Subito dopo la morte di Steve Jobs, Richard Stallman ha pubblicato un articolo sul suo blog personale usando parole molto dure e di cattivo gusto:

“Steve Jobs, il pioniere dei computer costruiti come belle prigioni, progettati per togliere alle persone le loro libertà digitali, è morto. […] Non sono contento che sia morto, ma sono contento che se ne sia andato. Nessuno merita di morire […] ma tutti meritiamo la fine dell’influenza maligna di Jobs sui computer”.

Ma chi è Richard Stallman? Cosa ha spinto quest’uomo a scrivere parole del genere? Tutto nasce da… una stampante!

Richard Stallman

Quando Stallman frequentava l’università usava regolarmente la stampante condivisa da tutti nel suo dipartimento. Una fantastica stampante laser che però aveva un grosso difetto: si inceppava di frequente. Ogni inceppamento causava grossi problemi, perché usandola in tanti c’erano molti lavori di stampa da smaltire. Ad ogni inceppamento della stampante tutti restavano in attesa finché qualcuno non se ne accorgeva e si alzava per rimediare.

La stampante segnalava l’inceppamento con una spia luminosa. Stallman modificò il driver (ovvero il programma che viene usato dai computer per comunicare con la stampante) in modo tale da inviare una email alla persona che aveva lanciato il lavoro di stampa inceppato, in modo che potesse subito alzarsi per risolvere il problema.

Il dipartimento decise di cambiare la stampante, e Stallman cercò il modo di operare la stessa modifica. Ma non trovò il codice sorgente del driver. Il codice sorgente è un testo che descrive il funzionamento di un programma qualsiasi. Solo avendo il codice sorgente è possibile modificare un programma. Stallman telefonò al produttore della stampante e gli venne detto che il driver era “proprietario”, ovvero a sorgente chiuso, e non c’era dunque modo di mettervi mano.

Dire che “non la prese bene” è molto riduttivo. Dando prova di un fortissimo idealismo e di una gran forza di volontà avviò il progetto GNU. GNU era finalizzato a realizzare un sistema operativo fatto solo di software libero, ovvero che rispettasse quattro libertà fondamentali:

  • Eseguirlo per qualunque scopo
  • Accedere al codice sorgente per poterlo modificare
  • Distribuire copie a piacere
  • Migliorarlo e distribuire pubblicamente le migliorie

Ecco spiegato da cosa nasce tutta la sua avversione per Jobs: la Apple è un’azienda commerciale che si fonda sulla chiusura. Non è necessario chiudere un sorgente per guadagnare con un software o con un hardware, però è la decisione che molte aziende prendono per tutelare i loro interessi economici. Un approccio non è migliore dell’altro, quello che cambia è solo la finalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *