App Immuni non sicura: è vero o no?

Cercando su internet “App Immuni”, una delle prime cose che viene fuori dalle ricerche suggerite è “app Immuni non sicura”. Ho già esaminato il codice sorgente di Immuni per dimostrare come essa sia sicura ed anonima. Mi è stato giustamente chiesto se sia possibile inserire codici sorgenti nascosti, ed ho spiegato che nel caso di Immuni non è così.

Credevo di aver esaurito l’argomento una volta per tutte ma ho ricevuto un paio di commenti interessanti, in cui mi si fa sostanzialmente la stessa domanda: come si fa ad essere certi che la versione di Immuni presente su Google Play Store ed App Store sia effettivamente quella ottenuta dal sorgente pubblico?

App Immuni non sicura: domanda sulla verifica del sorgente dell'app
App Immuni non sicura: seconda domanda sulla verifica del sorgente dell'app

Gli sviluppatori avevano previsto questo genere di domanda, che avrebbe giustamente portato a ritenere l’app Immuni non sicura. Hanno pertanto fornito nella documentazione ufficiale le istruzioni per verificare la “build”. Una build, spiegato molto approssimativamente, è un’app o un programma che sono pronti ad essere eseguiti da un computer o da uno smartphone. Il sorgente invece non è eseguibile: va prima “compilato” (la compilazione trasforma un sorgente in una build).

Nella pagina dedicata, in inglese, spiegano (cito testualmente): “vogliamo aiutare le persone a verificare che l’app scaricabile da App Store e Google Play Store provenga da questo codice sorgente“. Segue un link ad una pagina con istruzioni dettagliatissime per farlo (sfortunatamente anch’essa in inglese).

Il processo di verifica si basa su un meccanismo chiamato “reproducible builds” (“compilazioni riproducibili”) e può essere schematizzato così:

  • Scarico l’app pubblicata sullo store (un file .ipa nel caso di iOS, un file .apk nel caso di Android)
  • Scarico il sorgente
  • Compilo il sorgente
  • Verifico che la build (il file compilato) sia identico a quello scaricato dallo store

C’è una pagina con la procedura dettagliata per compiere questa operazione sia per iOS (iPhone) che per Android. Non è una cosa semplice da fare: bisogna che a farla sia un programmatore o un utente abbastanza esperto da scaricare i programmi necessari e capire i vari passaggi.

Non ho perso tempo a tentare di effettuare io stesso questa procedura per un semplice motivo: il solo fatto che ci sia una spiegazione passo-passo di cosa fare per verificare la build indica chiaramente che non c’è nulla da nascondere.

Impara l'informatica in due minuti al giorno: iscriviti alle cose di computer!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.