Virus CryptoLocker: cos’è e come difendersi

Alcuni malcapitati utenti si sono ritrovati all’istante con tutti i file sul proprio hard disk resi illegibili dal virus CryptoLocker. Si tratta di un “virus crittografico” facente parte dei cosiddetti “ransomware”. Ma andiamo con ordine.

Un “ransomware” è un programma (in inglese si dice “software”) che chiede un riscatto (in inglese si dice “ransom”). Qualunque termine abbia il suffisso “ware” si riferisce quasi sempre ad un certo tipo di software. Rassegnati: l’inglese prenderà sempre più piede nelle nostre vite, e l’informatica usa solo termini in inglese perché è stata inventata negli USA.

Un “virus” è un programma creato apposta per fare danni al tuo computer o al tuo cellulare. Alcuni programmatori malintenzionati programmano i virus per gli scopi più disparati. Ad esempio per poter entrare nel tuo computer e spiarti, oppure per comandarlo attraverso internet ed “impersonarti” (far credere a qualcuno che sei tu a scrivere o a fare una determinata azione).

Come fa un programma a ricattarti? Il CryptoLocker usa un sistema semplice e geniale: rende illegibili i tuoi file usando la crittografia. Un file “criptato” è leggibile solo da chi possiede una certa chiave, quindi solo da te (se hai avuto cura di conservare la chiave in un posto sicuro). Faccio un esempio pratico di crittografia in questo articolo.

Il CryptoLocker è un programma che viene spedito via mail. E’ un eseguibile per Windows. Chi lo scarica e ci clicca sopra è spacciato: il virus inizierà a crittografare tutti i file del tuo computer usando una chiave conosciuta solo al programmatore del virus, che subito dopo ti spedirà un’email con una richiesta di pagamento in Bitcoin (una criptovaluta 100% anonima, non sarai mai in grado di rintracciare la persona che hai pagato. Ne parlo meglio in questo articolo).

Come difendersi dal virus CryptoLocker

  1. Non scaricare mai file eseguibili dalla posta elettronica
  2. Non eseguire mai file .exe sotto Windows, a meno che tu non sia assolutamente sicuro della provenienza del file
  3. Attiva la visualizzazione delle estensioni dei file sotto Windows (cerca su Google come fare): in tal modo potrai riconoscere subito che tipo di file stai aprendo. Se vedi “.exe” applica la regola numero 2
  4. Compra un hard disk esterno e predisponi un backup. Non lasciare sempre attaccato l’hard disk esterno, attaccalo al PC solo quando serve: il CryptoLocker raggiunge tutti i dischi attaccati al computer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *